Prestazioni Assistenziali

Assegno Sociale

A chi è rivolto

L'assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, dedicata ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge. La prestazione ha natura assistenziale ed è inesportabile; pertanto, non può essere riconosciuta se il titolare della prestazione risiede all’estero. Il beneficio economico non è reversibile ai familiari superstiti.

Requisiti

  • compimento del 67° anno di età;
  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati dell’Unione Europea e per gli extracomunitari il possesso di permesso di soggiorno CE-SLP;
  • residenza sul territorio nazionale;
  • residenza in Italia di almeno dieci anni continuativi, temporalmente individuabili in qualsiasi momento della vita prima della richiesta della prestazione (tale ulteriore requisito è in vigore dal 1° gennaio 2009 ed è richiesto in aggiunta al generale requisito di residenza sul territorio nazionale per il diritto al conseguimento e al mantenimento della prestazione).
  • reddito non superiore all'importo annuo dell'assegno se il richiedente non è coniugato;
  • reddito cumulato con quello del coniuge non superiore a due volte l'importo annuo dell'assegno se il richiedente è coniugato.

L’importo dell’assegno sociale, per il 2020, è pari a €.459,83 mensili. In presenza di redditi, può essere concesso in misura ridotta fino a concorrenza dei limiti di reddito stabiliti.

L’importo dell’assegno sociale è ridotto del 50%, in caso di ricovero del titolare presso istituti a totale carico di enti pubblici. La riduzione è del 25% se la retta per il ricovero è a parziale carico del pensionato o dei suoi familiari, ovvero è in misura inferiore al 50% dell'importo dell'assegno sociale. Non opera nessuna riduzione se il concorso alla retta da parte del pensionato o dei suoi familiari è superiore al 50% dell'importo dell'assegno sociale.

Rivolgiti con fiducia agli operatori del Patronato INCA-Cgil per la consulenza ai fini del diritto e l’inoltro della domanda di Assegno Sociale.

Chi ne ha diritto

Hanno diritto all'assegno sociale:

  • cittadini italiani;
  • stranieri o gli apolidi e rispettivi coniugi ricongiunti, ai quali è stata riconosciuta la qualifica di “rifugiato politico” e lo “status di protezione sussidiaria”;
  • stranieri extracomunitari o apolidi in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ovvero della carta di soggiorno;
  • cittadini comunitari e i loro familiari a carico, iscritti all’anagrafe del Comune di residenza o titolari della carta di soggiorno CE;
  • cittadini della Repubblica di S. Marino residenti in Italia;
Documenti necessari
Credits: Batmad.it